Marketing Online: meglio occuparsene personalmente o delegarlo a qualcuno?


2 febbraio 2019  |  Tempo di lettura: 3 minuti

Ormai il 74% degli svizzeri cerca online informazioni in merito a prodotti e servizi. È quindi comprensibile che le PMI desiderino che i loro prodotti possano essere trovati facilmente online. Affinché questo avvenga, è necessario ricorrere a un marketing online mirato. Ma è meglio gestire personalmente il proprio marketing online oppure incaricare un fornitore esterno di occuparsene? Di seguito vi indichiamo in quali casi può convenire il marketing «inhouse» e quando invece l’esternalizzazione delle attività di marketing online si rivela la soluzione di gran lunga più vantaggiosa.

Quando al giorno d’oggi si parla di marketing online si fa riferimento a varie misure molto eterogenee tra loro. Nel caso del marketing online finalizzato alle PMI, sono le seguenti misure a rivestire un ruolo centrale (anche se quella di seguito non è una lista completa):

  • un sito web moderno e aggiornato,
  • una pubblicità online sotto forma di banner e annunci,
  • il marketing sui motori di ricerca per essere facilmente trovati su Google e Co.,
  • il content marketing per pubblicare informazioni sull’azienda in diversi formati,
  • l’e-mail marketing con l’invio di newsletter e
  • il social media marketing, ovvero l’impiego professionale delle piattaforme social media come Facebook, Instagram o Twitter.

 

Come può una PMI gestire al meglio il marketing online?

Tutte le misure citate devono essere pianificate e realizzate in termini strategici: questo richiede conoscenze tecniche e, in molti casi, anche un notevole dispendio di tempo. Ma ne vale sicuramente la pena: molto presto le PMI scoprono infatti che il marketing online rappresenta una chiave decisiva per il successo aziendale. Ma allora come è possibile sfruttare al meglio tutte queste possibilità offerte dal marketing?

Variante 1: delegare a qualcuno il marketing online

In quasi tutti i casi, per voi come PMI l’outsourcing delle attività di marketing online comporta, per singola attività, un costo inferiore rispetto a quello del «fai da te». Questo dipende, tra l’altro, dal fatto che il partner incaricato lavori per diverse aziende e possa quindi raggruppare le varie attività che svolge.

Ulteriori motivi a favore di una collaborazione con esperti di marketing online:

  • potrete contare sull’esperienza e sulle conoscenze di un partner che si occuperà per voi di analizzare tutti i trend e, inoltre, anche di testarli preventivamente.
  • Potrete concentrarvi sui vostri punti di forza, facendovi supportare in quel campi in cui il vostro know-how non risulta sufficiente e occupandovi invece personalmente degli aspetti di cui siete esperti.
  • Avrete un nuovo punto di vista sulle cose, il che non guasta mai: i partner esterni esperti di marketing online osservano le procedure da un punto di vista neutrale e potranno quindi fornirvi dei grandissimi stimoli in tal senso.
  • Vi concentrate sui vostri clienti: esternalizzando le attività di marketing online, come start-up o PMI guadagnerete tempo prezioso da dedicare al vostro core business.
  • Testerete anche voi nuovi campi: esternalizzando le misure di marketing online, rimanete flessibili e potete quindi testare nuovi aspetti e settori in modo semplice e veloce (come ad es. le nostre nuove campagne pubblicitarie su Instagram).

Variante 2: occuparsi personalmente del marketing online

Ci sono anche alcune argomentazioni a favore del «fai da te». Il marketing online consente, in particolare alle aziende più grandi, di utilizzare al massimo almeno un collaboratore e magari persino un intero reparto. Per questo le PMI dalle dimensioni maggiori optano spesso per questa variante, che presenta i seguenti vantaggi:

  • possibilità di investire nei propri collaboratori: i propri dipendenti continuano ad acquisire know-how nel settore del marketing online.
  • Possibilità di effettuare controlli migliori: l’azienda ha in qualsiasi momento la possibilità di controllare le misure online e di effettuare velocemente eventuali modifiche.
  • Comunicazione autentica: attraverso l’e-mail marketing e il social media marketing parlate «la vostra lingua» e siete quindi più vicini ai vostri clienti.
  • Arricchimento delle mansioni: qualora si disponga di un budget molto ridotto destinato al marketing online, a livello economico non conviene rivolgersi appositamente a un esperto esterno. In caso di risorse interne sufficienti sarà infatti possibile gestire il marketing online attraverso il «job enrichment» con il personale a disposizione.

Concentratevi sui vostri punti di forza

Dovete quindi occuparvi personalmente della gestione del marketing online o delegarla a qualcuno? Innanzitutto, definite quali aspetti del marketing online rivestano per voi una particolare importanza: ad es., essere trovati online o attirare maggiormente l’attenzione sui social media? Osservate quindi quali sono i vostri punti di forza e gli aspetti principali del vostro business e chiedetevi se questi obiettivi potranno realisticamente essere raggiunti con le vostre forze.

«Fai da te» o «delegare»: due varianti legate al marketing online che risultano entrambe vincenti. La scelta dipende moltissimo dall’azienda in questione, dalla sua grandezza e dal suo budget. Tuttavia, alle start-up e alle PMI più piccole che non possono contare su un grande know-on legato al settore online, consigliamo di esternalizzare le attività di marketing online, o almeno una parte di esse, dal momento che questo consentirà loro di concentrarsi maggiormente sul proprio core business.